da SABATO 6 agosto a MARTEDI’ 16 agosto 2022 

In caso di urgenze, potete prendere appuntamento al cell. 347 4201344
Comunicati stampa Leggi tutto

Morto a 103 anni Mario Fiorentini, il “partigiano più decorato d’Italia”.

Con grande dolore informiamo che ci ha lasciati un grande uomo, un grande amico, un grande esempio. 

Iniziò a collaborare con Giustizia e Libertà e il Partito Comunista durante gli studi universitari, per poi entrare attivamente in campo con la resistenza partigiana.

Comandò il Gruppo di Azione Patriottica ‘Antonio Gramsci’, operante nel centro di Roma, che durante i nove mesi di occupazione nazista della capitale sbaragliò, con le sue compagne e i suoi compagni, tre battaglioni nemici in pieno centro in pieno giorno, conquistando al mondo l’ammirazione per il combattente italiano e per la Resistenza antifascista italiana; partecipò a numerose azioni partigiane, tra cui l’assalto al carcere di Regina Coeli e al famoso attentato di via Rasella a Roma, dove nel ‘44 persero la vita 33 soldati tedeschi e 2 civili italiani.

Il 9 settembre 1943 partecipò alla battaglia contro i tedeschi a Porta San Paolo tra le file del Partito d’Azione; in ottobre organizzò e si pose al comando del Gap di Roma centro, facente parte alla  rete di resistenza comandata da Carlo Salinari. Dopo la Liberazione di Roma fu posto al comando della missione Dingo, dell’Office of Strategic Services (Oss) e proseguì la Resistenza nel Nord Italia, in Emilia e Liguria;

Dopo la Liberazione del nostro paese, scienziato autodidatta, fu professore nei licei della periferia romana lasciando anche li tanti ricordi della sua potente e straordinaria umanità, e quindi professore all’Università di Ferrara, che innovò la matematica e la geometria.
“Fu sempre a fianco della sua Lucia, la valorosa partigiana decorata con la Medaglia d’argento al valor militare, che fu sua moglie, che conobbe durante la Resistenza e che restò la donna della sua vita.

Nel 2013, Fiorentini  (“L’uomo delle quattro evasioni da quattro carceri nazifasciste”) raccontò la sua storia nella Resistenza nel documentario “L’uomo dai quattro nomi”, diretto da Claudio Costa.

Comunicati stampa Leggi tutto

Il Comitato Nazionale ANPI: “Esprimiamo forte preoccupazione per la crisi del governo e del Paese”

Il Comitato Nazionale ANPI esprime forte preoccupazione per la crisi di governo in corso, che avviene in una situazione sociale drammatica, aggravata dal persistere della pandemia, con circa 100mila contagi e 100 morti al giorno, oltreché ovviamente dalla guerra.

Comunicati stampa Leggi tutto

TUTTE LE INIZIATIVE SUL NOSTRO TERRITORIO

Comunicati stampa Leggi tutto

Giornata nazionale di mobilitazione per la pace

Lug 15, 2022
Leggi tutto

Iniziativa storica per il 72° anniversario dei martiri del 7 luglio

Lug 05, 2022

Mercoledi 6 luglio alle ore 18.00 in Sala del Tricolore si terrà la preannunciata iniziativa denominata
“DARE UN FUTURO AL PASSATO: UN CENTRO DOCUMENTAZIONE DEDICATO AL 7 LUGLIO 1960”.
La presentazione del progetto del centro di documentazione sarà svolta dal sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi che ne illustrerà le finalità tese alla ricognizione e raccolta di […]

Leggi tutto

Fiom e ANPI: un patto Resistente!

Giu 29, 2022

Il 27 giugno, a Roma, è stato siglato un importante protocollo tra l’Associazione nazionale dei Partigiani d’Italia e la Federazione Impiegati Operai Metallurgici (FIOM-CGIL).
Nel corso della riunione del Comitato centrale della Fiom che si è tenuta presso l’Auditorium Frentani di Roma, il presidente dell’Anpi Gianfranco Pagliarulo e il segretario generale della Fiom Michele De Palma […]

Leggi tutto

7 Luglio 1960-2022 Le iniziative

Giu 23, 2022
Leggi tutto