La restistenza a Rubiera

La popolazione di Rubiera si è opposta alla violenza fascista fin dalla sua ascesa negli anni ‘20 e per tutto il periodo della dittatura, quando gruppi di giovani operai rubieresi organizzavano una fitta rete calndestina di oppositori. Dopo la caduta del fascismo e l’invasione nazista, a seguito dell’armistizio dell’8 settembre del 1943, anche a Rubiera si organizzano le prime brigate partigiane. In un primo momento in un semplice coordinamento “paramilitare”, poi inquadrati nella 76.a Brigata S.A.P. (Squadre di Azione Patriottica). Furono 235 i rubieresi impegnati nelle squadre partigiane, di cui 8 caddero sotto il fuoco nemico.

Il libro

 

Il video


Cronologia dei Fatti per la Liberazione


Schede Report Monumenti